jump to navigation

Kerlon, e il suo grande cavillo 3 ottobre, 2007

Posted by ipernova in Del + e del -.
Tags: , , ,
trackback

In qualsiasi attività soggetta ad un regolamento, capita spesso che spuntino dei cavilli. Più ci sono leggi e più ci sono cavilli. Forse è anche per questo che esistono gli avvocati 😉

Anche negli sport capita che un atleta si comporti in maniera tale da sollevare un cavillo e schivare una regola limitante del gioco. Ricordo un documentario  sulla storia del basket che parlava del tempo in cui la regola del “far rimbalzare la palla per terra” non esisteva. Si vedevano dei tipi alti che tenevano il braccio disteso e camminavano senza che nessuno prendesse la palla. Lo stesso vale per il salto “Fosbury”, anche se più che un cavillo quello faceva pensare “Ma come cacchio nessuno ci ha pensato prima!”.

Quello che sto per illustrarvi è un cavillo in quella che è la disciplina sportiva più praticata, o quantomeno la più discussa e moviolata del mondo, il calcio.

Un giorno mio cuggino (con 2 G) mi ha fatto la brillante osservazione: “Perché nel calcio non c’è uno che decide di equilibrare la palla nella testa ed andare verso la porta?”. (Non ci ho fatto caso perché era immersa in mezzo ad altre cazzate che io e mio cuggino siamo soliti sparare). Ma in effetti non può essere considerata “palla trattenuta”, e se non riesci a segnare almeno riesci a ricavare una punizione dal limite dell’area, o un’espulsione del difensore.

Ebbene sì, è quello che ha deciso di fare un poveraccio di nome Kerlon (poveraccio per il nome, mica per altro…) che gioca in Brasile (dove tutto è possibile) nel Cruzeiro ed è a malapena maggiorenne.

Vi pubblico il video delle sue peripezie qui sotto

In Brasile sono nate delle discussioni sull’argomento. Da un lato non è previsto dal regolamento (magari ci avevano pensato, ma l’hanno scartato insieme alla “palla dentro le mutande” e “all’avanzamento con addentamento della valvola del pallone”). Dall’altro lato forza il difensore a fare fallo perché non esiste modo di togliergli via la palla.

Intanto il povero Kerlon lo chiamano “La Foca”. Ma forse si è fatta giustizia. Se uno prende per il culo 3 miliardi di spettatori, e soprattutto 4 difensori, è giusto che gli mettano un nomignolo umiliante per tutta la vita!

Paz

Annunci

Commenti

1. Poul! - 5 ottobre, 2007

Povero Kerlon… l’ultima volta che c’ha provato a fare la “foca” c’è stato un avversario (di nome Coelho – Atletico MG e ex Corinthians) che l’ha aggredito in maniera tale che forse non la farà mai più… il video si trova facilmente nello youtube attraverso la ricerca “coelho kerlon”. Grande abbraccio dal Brasile

2. Zanna - 5 ottobre, 2007

Ciao Paz…
buona l’idea di Kerlon e di tuo cuggino (con due g)! Mi chiedevo… non è che magari questo Kerlon E’ PROPRIO tuo cuggino?
Perchè se fosse così sarebbe il caso che iniziassi a fare le condoglianze a tua zia!
Prova a chiedere al Carbo o a Viktor (fulgidi esempi di esperti in entrate con “piede a martello”) in quanti pezzettini ridurrebbero la gamba di un attaccante che fa una roba del genere!
Minimo minimo ci parte una doppia frattura scomposta del perone.
Inoltre, la partita mica finisce con il numero da foca del tipo!
Per esperienza personale ti dico che se un difensore è un pelino furbo (come sicuramente sono Carbo e Viktor) il numero dell’attaccante glielo fa pagare, e con gli interessi, l’azione seguente, magari quando l’arbitro è girato.

Il fatto è che una cosa del genere è ritenuta, non so se a ragione o a torto, una sorta di derisione dell’avversario.

Ma se vuoi provare anche tu in una delle partitelle “Ingegneri contro Informatici”, dai un’occhiata a questo filmato e vedrai che fine farai!

3. ipernova - 5 ottobre, 2007

Bello il filmato!
E comunque non credo che il problema mi si presenterà vista la mia ormai risaputa (dis)abilità con il pallone da calcio.

Un’altra tattica che stavo formulando è quella di tirare una mina sulle palle del difensore. Uno ad uno li mandi in panchina.
è ovvio che poi dovresti giocare con i para-stinchi, para-palle, casco, scudo e sciabola 🙂

Paz

P.S.: Un Benvenucleo a Zanna e a Paul

4. Viktor - 12 ottobre, 2007

Ma chi è questo Zanna?
Cmq, forse al primo tentativo glielo lasciavo fare, palleggiare con la testa, e gli avrei fatto i complimenti…al secondo però…


Sorry comments are closed for this entry

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: