jump to navigation

Blog Action Day per l’Ambiente 15 ottobre, 2007

Posted by ipernova in Le crociate.
Tags: , , ,
trackback

Blog Action

Oggi è il giorni in cui tutti i blog aderenti all’iniziativa “Blog Action Day” pubblicano un post sull’ambiente e soprattutto sulla sua salvaguardia.

Io sono un ingegnere e penso da ingegnere. Cercherò di tradurre il tutto in una lingua che il comune mortale possa capire ;-). Diversamente da quanto fanno gli altri in maniera ottima (che danno consigli sul come risparmiare) io cercherò di dirvi il perché risparmiare.

L’uomo per vivere ha bisogno di energia. Più è industrializzato e più la utilizza. Esistono fondamentalmente 4 tipi di energia consumata direttamente dall’uomo:

  • Quella biochimica del nostro cibo,

  • Quella elettrica del nostro forno, (che più che altro è un mezzo di trasferimento)

  • Quella chimica dei combustibili fossili,

  • Quella atomica delle centrali nucleari.

In realtà tutte le prime tre sono riconducibili ad una, l’energia solare. Il cibo è energia solare trasformata dai vegetali in carboidrati, l’energia idroelettrica/fotovoltaica/eolica sono conseguenze dell’irraggiamento solare, ed infine i combustibili fossili sono energia solare accumulata anni addietro sotto forma di molecole di Idrogeno e Carbonio.

Il guaio è il seguente. Finché io consumo energia prodotta dal sole (cioè l’acqua portata in quota dalle piogge, l’irraggiamento diretto, il legno che il sole ha fatto crescere) tutto continua secondo l’equilibrio che permane da millenni.

Diversamente, se io prendo riserve di energia dal sottosuolo, come i combustibili fossili, altero l’equilibrio, ma come? Togliendo del Carbonio dal sottosuolo e spargendolo in atmosfera ottengo energia a basso costo ma altero la composizione chimica dell’aria in maniera irreversibile. NON ESISTE ATTUALMENTE UNA TECNOLOGIA IN GRADO DI DIMINUIRE LA CONCENRAZIONE DI CO2 NELL’ARIA.

Esiste però una maniera fondametale per prodursi energia PULITA, A CASA ed in maniera totalmente GRATUITA. Se prima consumavate 2 chilowattora di elettricità, provate a consumarne soltanto 1, sarebbe come produrre da sé ed in maniera pulita il chilowattora rimanente.

Le Scienze ha pubblicato poco tempo fa  uno studio che dice che fino al 2050 l’unica cosa che potremo fare sarà cercare di risparmiare ed attendere che con l’avvento di nuove tecnologie si risolva il problema. Gli stessi studi dicono che il danno è già fatto e che potremo soltanto cercare di mantenere le condizioni climatiche entro il “sopportabile per l’esistenza dell’uomo”.

Applicate la produzione di energia casalinga attraverso il risparmio su ogni energia che consumate, ad es:

  • Comprate frutti di stagione e di produttori locali (non consumerete la benzina dei camion e navi per portarlo al vostro supermercato)

  • Bevete acqua del rubinetto o di una fonte prossima a casa vostra (stesso motivo di sopra)

  • Usate saggiamente il riscaldamento di casa (durante l’inverno è cosa buona e giusta avere un maglione anche dentro casa, e se avete caldo non toglietelo!)

  • Non comperate i SUV! (La vostra mascolinità dimostratela a casa vostra alle vostre mogli)

  • Usate la lavastoviglie (userete un quarto di acqua e metà dell’energia)

  • Ed infine la regola delle tre R: Riducete la spazzatura (meno scarti avrete e meno energia sarà stata consumata per produrli), Riutilizzate bottiglie o altri prodotti invece di buttarli, Riciclate i materiali (si spenderà 4 volte di meno che per produrli da capo).

 Per altri suggerimenti più pratici vi invito a visitare il seguente blog.

 Paz

Annunci

Commenti

1. ipernova - 15 ottobre, 2007

Aggiungerei il link a http://www.ecoblog.it e http://www.lanuovaecologia.it (il mensile di Legambiente) per notizie correlate a quanto illustrato sopra!

Lesnina


Sorry comments are closed for this entry

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: