jump to navigation

Linus e la sua cover(ta) dei POLICE 29 novembre, 2007

Posted by ipernova in Arte, Cinema, Del + e del -.
Tags: , , , ,
comments closed

Quel gran genio di Charles Schulz, disegnatore delle storiche striscie dei Peanuts (in Italia si chiamano “Snoopy an Co.”, ovviamente nome non azzeccato visto che Snoopy era solo uno dei personaggi e non quello principale) pubblicate dal 1950 fino al giorno dopo della sua morte nel 2000, ad un certo punto nel 1965 decise di fare un cartone animato (sponsorizzato dalla Coca-Cola).

 

Fenomenale il fatto che ci sia riuscito trasferendovi tutte le sensazioni delle sue striscie. E tanto per mettere la ciliegina ha deciso di mettere come sottofondo costante del cartone animato delle canzoni Jazz. Uno che fa una cosa del genere è sicuramente un pazzo, furioso, scatenato e geniale.

 

Alla fine i cartoni animati sono stati più di uno e sono tutti venuti benissimo. Ovviamente ve li consiglio.

 

Ma vi scrivo questa volta per farvi vedere un’edizione, tutt’altro che ufficiale, di Linus che canta una delle canzoni più belle dei POLICE. Purtroppo la qualità dell’immagine non è ottima, ma il resto sì 🙂

 

 

Paz

Annunci

Ironia 28 novembre, 2007

Posted by ipernova in Del + e del -.
Tags: ,
comments closed

Guardando questo sabato il programma di Luttazzi ho assistito alla miglior definizione di ironia che io conosca, e cioè:

 

Ironia è l’impianto antincendio che va in corto e ti manda a fuoco la casa

 

Grande Luttazzi

 

Paz

 

P.S.: Colgo l’occasione per annunciare un nuovo Blog nel nostro Blogroll e cioè quello di Ilpandadevemorire. Dateci un’occhiata.

Ipocrisia dell’Autovelox 27 novembre, 2007

Posted by ipernova in Del + e del -.
Tags: , , ,
comments closed

 

Controllo velocità cartello

Le parole “ipocrisia” e “libertà” vengono usate sempre e comunque a sproposito (vedi Amici di Maria de Filippi per la prima e G.W.Bush per la seconda).

Mi sono permesso di usare la parola nel titolo perché mi sembra adatta, ma potete sostituirla con “incoerenza”, “antitesi”, “inciviltà”, etc.

Premessa: “L’Italia è un paese di puttanieri moralisti“.

 

Odio quando mi fanno la multa per eccesso di velocità (o almeno quando me la faranno in futuro). E odio anche quando i vigili si nascondono.

Quello che sto per dire quindi è controproducente e va contro i miei interessi, ma che senso ha imporre che i vigili con l’autovelox siano visibili e che i radar nell’autostrada siano dichiarati?

è come se ad uno che falsifica il bilancio gli dicessero o meno che in quel trimestre verrà la Finanza a controllarlo

oppure che allo spacciatore gli dicessero che passerà una volante della polizia in quel momento preciso

oppure che ci fosse scritto sopra l’obliteratrice dell’autobus: “Non verranno effettuati controlli in questa corsa”

E la cosa vale anche per i cartelli che avvisano sui controlli ai semafori, etc.

Non ha senso! se c’è un limite di velocità, vale comunque se c’è chi controlla o meno. è un tipico ragionamento da italiani, la legge vale solo quando c’è qualcuno che controlla.

è forse questa civiltà?

Paz

Quanto mi sta sulle balle la Brambilla 23 novembre, 2007

Posted by ipernova in Democrazia.
Tags: , ,
comments closed

Brambilla e berlusconiAllora, siccome adesso sta nascendo un malcontento generale per la classe politica, quelli armati di miglior marketing fanno quello che possono.

A Berlusconi gli è venuta la brillante idea di mettere un volto nuovo (senza passato da contestare) che dicesse le stesse cose di Beppe Grillo, permeate però delle solite frasi che Berlusconi è solito dire.

E quindi vediamo un comizio sul “mandare a casa la classe politica” seguito 5 minuti dopo sullo stesso palco da 45 minuti di discorso di Berlusconi.

Chiamiamolo salvagente, ma è questo che è Vittoria Brambilla. Donna che se incalzata da domande pungenti, ride istericamente.

Quanto mi sta sulle balle la Brambilla e questi discorsetti costruiti dall’ufficio marketing.

Bisogna essere proprio fessi per cascarci. Una che proclama il rinnovamento ed è socia con Dell’Utri e (probabilmente) finanziata da Berlusconi.

Vi trascrivo qui sotto un intervento suo trovato su Youtube. Ad ogni punto corrisponde una sua risata isterica.

“è la solita abitudine della sinistra, di guardare la gente dall’alto verso il basso, come se i cittadini fossero da rieducare, da migliorare, per poi spremerli con la tassazione più alta d’Europa, come hanno fatto con noi. Ma i cittadini, amici credetemi, sono davvero stanchi di essere trattati in questo modo ed è da qui che nasce il vento di ribellione, la protesta, quello che vogliono far passare per il nome di “antipolitica”. Ma a chi vi considera solo fantasmi io dico “state bene attenti perché questi fantasmi, se non cambierà finalmente qualche cosa in questo paese, finiranno per perdere la pazienza e mandarvi a casa tutti! Ma proprio tutti!”

Quale coerenza! Quale rinnovamento! A questo discorso seguì quello di Berlusconi in cui diceva le solite cose che la maggioranza non era maggioranza e che il governo doveva dimettersi.

Io sento pena per chi ci casca in queste baggianate.

 

Paz

MPB 21 novembre, 2007

Posted by ipernova in Musica.
Tags: , , , ,
comments closed

MPB = Musica Popolare Brasiliana
Alzi la mano chi crede che la MPB sia un genere pieno di tamburi, tipo la samba o pieno di robe indigene (..allora…. uno, due, tre, cin.. ,… , nov…, ……,……,….,…..ciassette, ….ciotto, …..ciannove, ….., ….tiquattro, venticinque!). In pratica hanno alzato la mano tutti! 😀

Invece io vi dico che la MPB di solito nei negozi di CD si trova in mezzo al Jazz. è vero che ha molte influenze africane ed indigene ma quello che la gente non sa è che fin dagli anni ’60 e ’70 le canzoni brasiliane sono state tradotte in italiano e cantate da artisti locali. Ed ecco che Tom Jobim, Joao Gilberto, Chico Buarque, vengono sostituiti da Raffaella Carrà e compagnia bella. Canzoni come “La banda”, oppure delle canzoni di Baglioni di cui non ricordo il nome sono brasiliane. L’ultima canzone di Fiorella Mannoia (Cravo e Canela) ad esempio è della persona di cui sto per parlarvi.

La MPB è quel tipo di musica che fischiettata viene benissimo. Provate a fischiettare una canzone di Britney Spears o della Pausini o di Tiziano Ferro! Non viene bene. La ricerca della cantilena perfetta non è roba da poco. E il giusto arrangiamento della canzone non è una cosa che la Sony o la Virgin commissionano ad un esterno. Serve un bagaglio culturale e serve essere bravi.


Sorvoliamo la Bossa Nova, genere che a lungo ho ascoltato e adesso ho un po’ messo nel cassetto (tanto per capirci “La ragazza di Ipanema” è Bossa Nova), e passiamo al mio cantante brasiliano preferito.

Si chiama Milton Nascimento. Ad alcuni di voi questo nome ricorderà un ballerino cubano, oppure un mago/parrucchiere. In realtà questo è uno che la musica ha decisamente capito cosa fosse. Ti trasporta in altri mondi, non riesci a credere di non essere dentro un film. Il tutto con delle parole talmente poetiche da far redimere un depresso, convincere l’indeciso e calmare l’ansioso.

Tanto per farvi capire, una volta in cui Milton Nascimento era in una spiaggia in USA, uno è venuto a fargli i complimenti dicendo di essersi molto ispirato alla sua musica. Poi si è scoperto che questo era niente popò di meno che il leader degli Earth, Wind and Fire (Non li conoscete? vergogna! 😀 ). La più grande cantante brasiliana Elis Regina (ormai passata a miglior vita) diceva di lui “Se Dio cantasse, lo farebbe con la voce di Milton”. è discutibile, ma si riesce a capire quanto questo signore valga nel panorama musicale.

Vi allego qui sotto un video con un esempio di ciò di cui stavo parlando.

Spero di avvervi convinto, o almeno instaurato un minimo interesse.

Paz

Sguainate le spade! Iniziano i preparativi! 15 novembre, 2007

Posted by ipernova in Doppiaggio NO!, Le crociate.
Tags: , , , , , ,
comments closed

Il “Fronte di Liberazione dal Doppiaggio“, inizia a fare i suoi primi passi.

MicrofonoFin dai primi post, e poi smascherando altri scempi del doppiaggio italino, gli utenti hanno quasi sempre espresso un opinione a favore a quella del blog. Avendo ricevuto molti commenti di naviganti a favore della nostra iniziativa, abbiamo deciso di andare più a fondo.

In paesi del cavolo come il Brasile, da più di 10 anni si può ascoltare la lingua originale dei film schiacciando un solo bottone (detto SAP).

Con il Digitale Terrestre le emittenti televisive hanno tutta la tecnologia a disposizione per inviare insieme alle immagini, anche l’audio originale dei film e delle serie-TV. (Mediaset lo fa già, ma molto sporadicamente, oppure lo fa a caro prezzo con Mediaset Premium).

L’obiettivo è inviare una petizione alla RAI, Mediaset, e LA7, perché utilizzino tale funzionalità e ci diano la possibilità di ascoltare l’audio in lingua originale (utilizzando poi come  sottotitoli quelli di pagina 777 del Televideo)

Ho creato una categoria per raggruppare tutti i post contro il doppiaggio e fra poco creerò una pagina per raccogliere le adesioni.

Suggerimenti sul da farsi?

Qualche collega informatico che può suggerire come procedere con la raccolta?

 

Paz

Cave sweet Cave 14 novembre, 2007

Posted by ipernova in Scienza, Uncategorized.
Tags: , , , , , ,
comments closed

Sette sorelle Entrata caverna

La NASA, con il satellite orbitante intorno a Marte Odissey (arrivato nel 2001), ha scoperto sulle pendici del (ex)vulcano marziano Ars, 7 caverne chiamate ora da tutti “Le 7 sorelle di Marte“.

A prima vista erano dei buchi rotondi e piccoli e sembravano dei massi (foto sopra a sinistra). Ma studiandoli attentamente hanno scoperto che di giorno erano più freschi, e di notte erano più caldi dell’ambiente esterno. L’escursione termica giorno-notte è molto inferiore, così come avviene con le nostre caverne. (Visto che su Marte le temperature variano da -120C a +20C, la minore escursione è una bella cosa).

Allora la NASA ha aspettato che arrivasse il sole giusto, all’ora giusta, nella direzione giusta per fare una foto ad alta risoluzione delle entrate, ricavando le spettacolari immagini qui sopra a destra. (Cliccate ed ingrandite l’immagine perché è splendida, anche se a falsi colori).

In pratica si ipotizzano migliaia di caverne come queste su Marte, ognuna di queste può costituire un ottimo rifugio per la vita, magari avendo anche acqua liquida. In più la caverna offre protezione dai raggi cosmici che colpiscono Marte, visto il suo debole campo magnetico.

 

Non vorrete mica dirmi che l’ironico destino di homo sapiens sapiens è quello di tornare ad abitare le caverne?

 

Paz

Urban Legends 13 novembre, 2007

Posted by ipernova in Del + e del -.
Tags: ,
comments closed

Ho visto da poco un programma intitolato Urban Legends su Mediaset. In pratica raccontano delle leggende metropolitane, spesso con delle animazioni o piccole fiction.

Quella che mi ha sorpreso è stata la leggenda metropolitana di uno che doveva buttarsi col paracadute, e prima di lanciarsi si è messo uno zaino con delle posate da campeggio dentro. Le posate, diversamente da quello che uno può pensare, non hanno frenato la caduta ed il tipo si è schiantato per terra. Tutta la storiella è stata narrata con un’animazione e dei fotomontaggi stile South-Park. Era abbastanza divertente, finché alla fine il presentatore dice “Che bizzarra leggenda metropolitana, secondo voi è vera o falsa?” e poi continua”La leggenda è vera ed il personaggio si chiamava etc etc ed abitava a etc. etc. etc.”

Cioè, il parole povere il tipo è morto e tutti lo hanno deriso con quella animazione che parlava di quanto stupido fosse stato. Roba da pazzi!

GermoglioComunque io ho una storia che mi ha raccontato mio padre che è bella. Una volta a suo cugino, da piccolo, gli è andato per traverso un seme di mandarino e dopo 2 settimane ha tossito fuori un germoglio.

 

 

Io vi giuro che è vera, ed effettivamente ha senso, anche se la presenza di un cugino è sempre piuttosto sospettosa.

 

Qualche altra leggenda metropolitana?

Paz

Effetto Serra for Dummies 12 novembre, 2007

Posted by ipernova in Le crociate, Scienza.
Tags: , , , ,
comments closed

Effetto serra benefici

Vorrei spiegarvi in maniera semplice le ragioni fisiche dell’effetto serra. Tutti ne parlano, alcuni lo negano, ma nessuno (quasi) sa il motivo fisico. Vi spiegherò in linguaggio “umano” (ed impreciso) cosa accade fisicamente.

Premessa: la radiazione è una specie di onda elettromagnetica. Al variare della lunghezza di quest’onda, la radiazione “cambia” nome. (così come avviene con il mare: piatto-onde basse, mosso-onde alte, molto mosso-onde altissime,  forza 9-maracaibo 🙂 ). Ad esempio, la parte delle radiazioni che il nostro occhio riesce a cogliere viene detta Luce. Ma sia le frequenze prima (+ deboli) che quelle dopo (+ forti) della Luce, esistono, hanno dei nomi e delle caratteristiche diverse.

Detto questo, procediamo.

La superficie di un corpo emette delle radiazioni che dipendono SOLO dalla sua temperatura. Se il corpo è caldissimo, tipo 6000 gradi, la radiazione avrà la lunghezza di quella visibile (Luce). Infatti la superficie del sole è a 6000 gradi. Se un corpo è a temperatura inferiore, facciamo 500, come un ferro rovente, emetterà soprattutto dei Raggi Infrarossi (che sono meno potenti della Luce) ma anche un po’ di Luce (luce rossa, più debole, ma l’unica che siamo in grade di vedere).

Il casino dell’effetto serra sta nel fatto che le cose si comportano diversamente per radiazioni con lunghesse d’onda diverse.

Per esempio: la neve riflette completamente i raggi luminosi, questo vuol dire che il sole non riesce a scioglierla. Tuttavia la neve assorbe i raggi più deboli emessi da superfici più fredde. Questo vuol dire che il sole non scioglie la neve, ma che il sole scalda una pietra, questa pietra a 30 gradi emette delle radiazioni più deboli che, paradossalmente, fanno sciogliere la neve. (è per questo che intorno alle pietre c’è spesso un alone di neve sciolta). Lo so che non ha senso, il sole non scioglie la neve ma una pietra tiepida sì. Ma la Natura è così.

Per i gas succede una cosa pazzerella simile. L’aria normale è completamente trasparente alla luce luminosa (che provviene da una sorgente a 6000 gradi), e lo è anche alla radiazione più debole degli Infrarossi (provveniente da una sorgente a temperatura ambiente).

Ci sono certi gas che però non sono così. Ci sono dei gas che sono trasparenti alla Luce (come quella del Sole) ma sono opachi agli Infrarossi. Questo vuol dire che, facendo un’analogia con la neve, i raggi solari non scaldano questo gas. Ma quando questi raggi scaldano il suolo, che a sua volta emette raggi più deboli, questi raggi cercano di tornare verso lo spazio ed invece trovano un gas opaco che li assorbe.

Questi gas come il “Gas metano” e la “CO2” (quest’ultima molto meno opaca agli infrarossi, ma mooooolto più presente in atmosfera) sono detti Gas Serra. E sono come la neve, ci sciolgono.

Che siamo stati noi a mettere i gas serra in atmosfera è certo. Liberiamo tonellate di CO2 dal sottosuolo ricavandola dal petrolio. Basta guardare i carotaggi fatti in Antartide.

Scusate per la noia 😉

Paz

Wacko Jacko 8 novembre, 2007

Posted by ipernova in Musica.
Tags: , , ,
comments closed

Michael JacksonMichael Jackson è uno malato. Come ogni genio. Da piccolo io lo adoravo, e meno male che non lo conoscevo di persona! Comunque lo imitavo spesso e avevo molte delle sue musicassette. Ho visto anche un suo concerto a San Paolo (Brasile) nel ’93 del tour Dangerous che era però abbastanza scadente (il disco non era un gran ché).

Partiamo dal presupposto che erano belle anche le canzoni dei Jackson Five, ma le vere perle le ha sfornate dopo. Nella carriera solo ha avuto la fortuna di incontrare il produttore Quincy Jones, un musicista abbastanza mediocre che aveva però l’abilità di plasmare la musica Pop come nessuna prima lo aveva fatto, aggiungendo un tocco del cosidetto Punch (in inglese), o Pegada (in portoghese). (in italiano non esiste il termine, è un misto di “avere le palle” con “avere presa” con “essere cazzuto”)

A crearmi il mito di Michael Jackson è stata una cassetta che mio padre mi aveva portato dagli USA da un viaggio di lavoro. Era la cassetta video di Moonwalker, un film che Jacko aveva fatto nel 1988, e che siccome durava al massimo un’ora, aveva all’inizio un pout-pourri di suoi video musicali. Era tutto in inglese senza sottotitoli ed io non capivo una mazza, anche se sapevo ripetere i dialoghi a memoria (tipo: Auanaget stain? Watchi wari du!). La trama del film era semplice, c’erano lui e dei bambini (come nella vita!) che sconfiggevano il male. Aveva un sacco di effetti speciali fighissimi e per noi bimbi era perfetto.

Ma la vera vera bellezza di quella cassetta erano i video che c’erano prima. Tutti in versione integrale, lunghissima. C’era anche una versione del video BAD fatta in versione bambini (té pareva) con Macaulay Culkin al posto di Jacko.

Vi propongo qui uno dei video della selezione, è una canzone che secondo me entra fra le 5 più belle mai fatte da M.J., ed è naturalmente co-prodotta da Quincy Jones. è tratta dall’album BAD e si chiama “Leave me alone”. (Scommetto che nessuno di voi l’ha mai sentita e né visto il video) Peccato che i video di YouTube non preservino i bassi, quindi si perde un po’ il Punch 😀

Enjoy

Il video è stato pluripremiato. La canzone è una specie di protesta nei confronti della famiglia che gli chiede soldi e dei giornali che pubblicano notizie del cavolo (tutti i titoli di giornale che appaiono sul video sono veri). Alla fine lui si incazza con il “circo” che gli hanno costruito attorno e lo distrugge (metaforicamente).

Altro che Justin Timberland!

 

Paz

P.S.: Curiosità: la scimmia e il serpente che appaiono sul video sono di Michael. Il serpente però ha dovuto darlo via quando ha morso sua nipote.

Grazie 6 novembre, 2007

Posted by ipernova in Democrazia.
Tags:
comments closed

Enzo BiagiPer più di quarant’anni aveva lavorato in RAI, e nel 2002 lo hanno cacciato a malomodo per sostituirlo con una pirla che scavicchia pacchi. E adesso dobbiamo assistere al magnifico festival dell’ipocrisia in cui persone che non hanno fatto niente per impedire questo scempio, lo osannano come un profeta, schivando tranquillamente le luride censure che ha dovuto subire da parte di persone che sono ancora in giro ed al comando.

Almeno la vita gli ha riservato il regalo di tornare in televisione per qualche mese, anche se su RaiTre, una sola volta alla settimana, ed in seconda serata. (è un ritorno degno?)

Enzo Biagi era un grande amico di Indro Montanelli, e a lungo è stato un baluardo di quello che in Italia non esiste più, l’informazione.

Ogni volta che sono andato a Milano (2 volte), nella galleria adiacente a Piazza del Duomo (Lui aveva l’ufficio lì) , l’ho incrociato che parlava al baretto con altri coetanei e coetanee. Chissà di cosa parlavano. Di sicuro erano discorsi che avrei voluto ascoltare.

Negli ultimi giorni, quando l’infermiera gli ha chiesto come stesse, Biagi ha risposto: “Sto come le foglie su un albero in Autunno” aggiungendo dopo una pausa “ma tira un forte vento”.

 

Grazie.

 

Paz

L’informazione in Italia 6 novembre, 2007

Posted by ipernova in Democrazia.
Tags: , , , ,
comments closed

Marco Travaglio è uno che la sa lunga. Tutti gli inciuci italiani più loschi, lui li sa. D’Alema, Berlusconi, sono tutti sporchi. Non esistono destra e sinistra in Italia, si reggono l’un l’altro per poter continuare a fare i loro comodi. E di giornalisti veri, che dicono le cose come stanno, sono rimasti in pochissimi qua in Italia.

Il problema qui in Italia è che chi controlla (i giudici) e chi denuncia (i giornalisti), hanno le mani legate. E con la seconda repubblica l’affare è di gran lunga peggiorato, in modo che “mani pulite” non potesse riproporsi.

Per farvi rendere conto vi pubblico un filmato di Travaglio che parla di Bruno Vespa (l’infezione dell’informazione italiana) e fa vedere che genere di approfondimento offre su Porta a Porta, mentre l’Italia fa figure di mer*da all’estero, e la democrazia in Italia fa clamorosi passi indietro.

Paz

Per una società USER FRIENDLY 2 novembre, 2007

Posted by ipernova in Del + e del -.
Tags: , ,
comments closed

Cartello cani

Spesso ci accorgiamo di quanto noi italiani siamo vittime di burocrazia e linguaggi istituzionali ben lontani dalla nostra quotidianità nonché particolarmente ostici per le persone non proprio originarie del nostro paese, ebbene stamattina mentre biciclettavo per il mio ridente paesino di pianura mi imbatto in un simpatico cartello che di per se non colpisce subito per la sua assurdità ma poi guardandolo bene…insomma innanzitutto per cinque metri quadrati di giardinetto ce ne sono ben tre!!! ed in più mi chiedo, costava molto un’iconcina  con un cagnolino sbarrato ???

 

Lesnina