jump to navigation

I conti che i TG non fanno sulle Morti Bianche 3 gennaio, 2008

Posted by ipernova in Del + e del -, Democrazia.
Tags: , ,
trackback

morti biancheIn Italia si esagera, e si fa poco per prevenire incidenti nelle aziende, come nel caso della ThyssenKrupp. Non vi è dubbio che in questo caso l’azienda si sia comportata in maniera criminale, anche se è da notare (come ha già fatto il nostro amico de ilpandadevemorire.com) che il sindacato è complice, così come un uomo che vede un altro che prepara la pistola, e non chiama la polizia.

Premesso che spesso per lo stato è più conveniente prevenire visto che curare e risarcire gli costa spesso di più, e premesso anche che si sta parlando di vite umane e che quindi non hanno prezzo, inizio le mie osservazioni.

Ultimamente si sentono persone infuriate che dicono che in italia si commettono più di 1000 omicidi impuniti all’anno da parte di aziende che ammazzano i propri dipendenti. Io sono di sinistra ma dissento fortemente.

Gli incidenti accadono in qualunque momento della giornata, non è che solo perché avviene in orario lavorativo diventa un omicidio da parte dell’azienda. Riformulo meglio: da questi mille e passa incidenti mortali si deve operare una scrematura che tolga quelli inevitabili, quelli che comunque accadono ogni tot e dipendono dal fato.

Ad esempio, se un uomo va a comperare il pane ed un camion in retromarcia lo prende sotto, è una fine tragica. Se il camion invece sta facendo manovra dentro ad un capannone ed in retromarcia prende sotto un padre di famiglia, questa tragedia secondo alcuni è un omicidio. Ovunque ci saranno camion in retromarcia, ci sarà il rischio di sfasciare una famiglia.

Detto questo, passiamo ad una semplicissima analisi dei numeri. In Germania, come ben sappiamo, tutto funziona. Anzi, vi dico di più, siccome loro fanno molta più prevenzione (investono in tal senso circa 5 volte la cifra italiana), alla fine dei conti spendono molto meno perché hanno meno infortuni etc. Ma passiamo al numero di incidenti mortali.

Nel 2005 per i seguenti paesi ci sono stati un numero di incidenti mortali pari a:

  • Italia 1200
  • Germania 901
  • Francia 782

Dobbiamo però considerare le popolazioni, e cioè siccome in Germania sono in 82 milioni, sono stati più bravi dei Francesi, anche se guardando i numeri sembrerebbe di no.

Diamo quindi i numeri di incidenti per milione di abitanti:

  • Italia 20,2
  • Germania 10,9
  • Francia 12,2

Bene, da questi numeri si può vedere quanto l’Italia faccia impressione. In Italia si muore il doppio che in Germania. Questa è una tragedia che va cambiata!!! Però da questi numeri si riesce a capire anche un’altra cosa importante.

In Italia, ammettendo che un giorno saremo bravi quanto i tedeschi, potremmo scendere a 600 incidenti mortali all’anno, E NON (PURTROPPO) ZERO!!!

Questi conti i giornalisti non li sanno fare, soprattutto quelle carogne di Studio Aperto (che gli pigliasse un colpo!)

Paz

P.S.: Ultimo dato, nel 2006 ci sono state 5669 vittime da incidenti sulla strada. E noi qui a spendere soldi contro il terrorismo (zero vittime).

P.P.S: Ringrazio Pedica per il fotomontaggio 😉

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: