jump to navigation

La felicità è una bici da donna in primavera 29 aprile, 2008

Posted by ipernova in Acquisti.
Tags: , , ,
trackback

Era da tempo che non facevo un post nella categoria “Acquisti”.

Ho ricevuto delle critiche per questa categoria, ma (da bravo ragazzo segretamente egocentrico) non credo siano proprio corrette.

Chiunque abbia dato una sbirciata alla Piramide dei bisogni di Maslow (ma anche a tutte le altre che sono seguite) capisce che appena vengono soddisfatti i bisogni di sussistenza, si passa ad aver bisogno di altre cose, da qui il consumismo.

Ma ora passiamo alle bici da donna.

Da molto tengo in serbo l’idea di acquistare una bicicletta da donna. è arrivato il momento, visto che in primavera le passeggiate per campi in bicicletta ti fanno sentire odore di felicità (quelli cresciuti in campagna sono un po’ refrattari a questa sensazione).

Il motivo della bici da donna è semplice, sono stanco delle Mountain Bike per diversi motivi:

  • Il sellino fa male
  • Non ti fa stare seduto ma devi per forza chinarti in avanti, mettendo peso sulle braccia e spostando il peso verso la porzione frontale del pube che per noi maschi è delicata
  • Le ruote dentate sono assurde (la parte superiore delle ruote in una bici viaggiano al DOPPIO della tua velocità CONTRO la direzione di marcia, le ruote dentate quindi quintuplicano la fatica a pedalare perché oppongono moooolta più resistenza)
  • Non c’è il cestino
  • Costa molto di più di una bici normale

Mi tuffo quindi verso il mondo delle City-Bike. Pare che molti come me abbiano avuto l’idea di usare bici da donna, e quindi qualcuno ha avuto l’idea di cambiare il nome “bici da donna” o la dicitura “lady” con, appunto, la dicitura City-Bike.

I vantaggi della bici da donna sono soprattutto: la comodità e la funzionalità.

Vi pubblico qui le foto delle due bici che sono in ballottaggio.

Elops 5

Spillo Rubino Lady

Il prezzo è circa lo stesso, una è della Decathlon e l’altra è della Bianchi (ovviamente il colore della prima non sarà rosso, perché vabbè usare bici da donna, ma esiste un limite a tutto 🙂 )

La prima si chiama Elops 5, ed ha un sacco di accorgimenti, ma il telaio è in acciaio e quindi la bici pesa 20 chili. La seconda è una Spillo Rubino Lady (sigh), è il modello meno costoso della Bianchi, ma ha già tutto l’occorrente, ed il telaio è in alluminio.

Paz

P.S.: Per una malata concomitanza di fattori, Lesnina preferisce le bici da uomo.

Annunci

Commenti

1. zardo - 29 aprile, 2008

Banane piccole e bici da donna.
Se il prossimo post lo fai su Casablanca inizio seriamente a preoccuparmi.

Detto questo diciamo che in parte concordo con te, la mountain bike è decisamente pesante e molto più scomoda delle bici da donna. Questo però vale solamente dopo aver raggiunto un’età matura, per due motivi:
1 – non ti senti omosessuale e gli amici non ti prendono in giro
2 – da giovani fa figo impennare e quindi la mountain bike è d’obbligo (una volta ho impennato con la bici di mia madre ed è successo il disastro).

Poi, detto tra noi, se si chiama mountain bike un motivo ci sarà, no?
A questo punto compriamo un fuoristrada per andare in centro a fare la spesa. Ah va già di moda farlo?

Il cestino è fondamentale. Infatti spesso uso la bici di mia madre, ma c’è un problema. Il sellino è troppo basso e questo mi rende la pedalata faticosa. Per cui preferisco una bicicletta un po’ più vecchia ma da uomo.

E tra le due biciclette nelle foto io preferisco la prima (anche se è pesante).

2. ipernova - 29 aprile, 2008

Infatti, uno può scrivere un post del genere solo quando ha la morosa da un po’ e non ha dubbi sulle proprie tendenze.

Interessante il fatto che nessuno abbia mai fatto una campagna-bike.

E comunque grazie per il consiglio d’acquisto

Paz

3. riz - 6 maggio, 2008

beh, la mountain bike è per un uso sportivo, mentre la city bike è per un uso quotidiano e turistico. Sono due cose diverse. Dato che esistono pure city bike da uomo ti consiglio di puntare su queste per tre motivi:
-pur essendo da uomo ha un postura di pedalata diversa da una mountain bike, decisamente più comoda per la città o le gite in campagna, quando si tiene un’andatura sui 15km/h o meno;
-sei bello alto e in una bici da donna dopo un pò finiresti con il sentirti ingrumato come su un triciclo;
-il portapacchi è stato inventato anche per le bici da uomo.
Per quanto riguarda il telaio in alluminio, che fa tanto figo, per una bicicletta da usare in pianura lo vedo un tantino sprecato, fossi in te risparmierei sul telaio e prenderei una sella ed una forcella ammortizzate, molto comode quandi si va per campi o sulle strade delle nostre città, che è come andare per campi!

4. ipernova - 6 maggio, 2008

Alla fine ne ho presa una da donna, in alluminio, e con forcella e sella ammortizzate.

Adesso sto cercando di regolargli bene il cambio, perché le regolazioni di fabbrica non sono mai fluidissime.

Comunque ringrazio il Riz per i consigli.

Paz

5. riz - 6 maggio, 2008

ah! sono arrivato troppo tardi! vai piano con le modifiche, che altimenti non ti fanno superare il collaudo! buone pedalate!


Sorry comments are closed for this entry

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: