jump to navigation

E se Ginevra inghiottisse il sistema solare? 2 maggio, 2008

Posted by ipernova in Del + e del -, Scienza.
Tags: , , ,
trackback

LHC (Large Hadron Collider) è l’acceleratore di particelle più grande e potente mai realizzato dall’uomo, progettato per far collidere protoni ad un’energia mai raggiunta fino ad ora in laboratorio. È costruito all’interno di un tunnel sotterraneo lungo 27 km presso il CERN di Ginevra.

L’LHC giunge in questi mesi alla fase di (finalmente) attivazione. Ed è proprio in questi attimi che si sollevano dubbi nei confronti del progetto.

Alcune persone ritengono che l’LHC potrebbe causare la distruzione della Terra. Secondo questi il CERN potrebbe:

  • Creare un buco nero stabile
  • Creare materia strana più stabile della materia ordinaria
  • Creare monopoli magnetici che potrebbero catalizzare il decadimento dei protoni

Mi soffermo sul primo. Due signori chiamati Walter L.Wagner e Luis Sancho, hanno presentato un ricorso contro LHC sostenendo che gli esperimenti potrebbero creare un buco nero capace di mangiarsi l’intero sistema solare. Questa tesi è anche sostenuta da due ricercatori della Standford e della Brown University. A parte che il ricorso è stato presentato al tribunale delle Hawaii, per un attimo mi sono venute certe domande.

E se fosse vero?

E se ogni razza intelligente creatasi nell’universo si è evoluta fino al punto di effettuare questo esperimento ed auto-annichilirsi in un buco nero?

E se i buchi neri che “vediamo” sono la prova di una vita ultraterrena esistita?

A me la prospettiva di diventare talmente intelligenti da auto-annichilirsi mi sembra abbastanza ironica da essere reale. Se ci pensate, l’universo è stato fin troppo logico fino ad ora, manca ancora quel bel po’ di ironia di cui la vita è inevitabilmente permeata.

Paz

Annunci

Commenti

1. Dottordivago - 2 maggio, 2008

Ciao Paz, sei tornato?
Ho riacceso il computer dopo dieci giorni di buio totale causa lavoro e, visto che leggere Ipernova è una delle prime cose che faccio quando lo accendo, mi sono guardato un po’ di arretrati; questo post me lo sono salvato e, dal momento che già meditavo di parlare dell’argomento, pensavo di farcirlo con un po’ del mio letame.
Posso andare di copia/incolla?
Dottordivago

2. ipernova - 3 maggio, 2008

Vai pure, però se mi linki è meglio 🙂

Paz

3. Irish Coffee - 6 maggio, 2008

davanti a queste notizie la speranza che mi nasce dentro è che la mente umana si fermi
certo la ricerca ha sempre degli sviluppi
ma a fin di bene tutti?
sono un pò scettica su alcune cose
questa è una…

4. Viktor - 6 maggio, 2008

Trascurando il “rinnomato” tribunale delle Hawaii e i due ricercatori, come genere umano qualcuno è già “intelligente da auto-annichilirsi o auto-distruggersi”, non serve cercare scuse sull’LHC basta pensare a tutti quelli che FUMANO!!!

5. ipernova - 6 maggio, 2008

Se devo essere sincero, io sono ottimista e credo che la ricerca scientifica possa sempre fare del bene. Poi però ci pensiamo noi a rovinare tutto usando la scienza contro noi stessi.

E comunque, Viktor, ben detto!

Paz

6. riz - 8 maggio, 2008

Mi chiedo per quale motivo, una volta terminato un centro di ricerca costato miliardi, salta sempre fuori qualcuno che sostiene che causerà la fine del mondo.
Comunque, dato che ogni teoria per essere confermata deve trovare una evidenza sperimentale, scommetto che i primi a voler effettuare l’esperimento per vedere se hanno ragione o torto sono proprio Wagner e Sancho!
Quello che non si conosce fa paura, malgrado ciò l’uomo ha sviluppato una propensione particolare per spingersi verso l’ignoto, se così non fosse vivremo ancora nelle caverne. Per quanto riguarda l’autodistruzione, ci stiamo già impegnando abbastanza. Venire inghiottiti da un buco nero sarebbe proprio un vero peccato, anche perchè ho appena comperato un paio di fichissimi scarponi della Meindl, l’aspetto positivo è che avverrebbe in un istante. Incrociamo le dita, e speriamo nella scienza.

7. ipernova - 8 maggio, 2008

Solo per aggiungere che quando le macchine a vapore stavano per superare i 100 km/ora, i media dell’epoca (se così si possono chiamare) insistevano che sarebbe successo un cataclisma.

Paz

8. zardo - 9 maggio, 2008

I treni di Trenitalia, infatti, per non correre rischi vanno al massimo ad 80 km/h. La prudenza non è mai troppa.

Comunque è vero che l’ignoto fa paura ma che senza qualcuno che si spinge oltre non si va da nessuna parte; c’è da sperare, però, che le cose che si scoprono/ottengono portino più vantaggi che svantaggi.

9. Dottordivago - 9 maggio, 2008

Non ho paura di diventare così intelligente da auto annichilirmi; sarebbe come se temessi un fibroma all’utero: mi manca l’organo preposto.
E poi, non ho mai temuto l’intelligenza: è la stupidità che mi fa paura.
E di quella ce n’è in giro un mucchio.
Dottordivago

10. riz - 9 maggio, 2008

a prescindere dalla pericolosità e dagli esiti dell’esperimento, ciò che può nuocere non è la conoscenza in se, il risultato aquisito, ma l’uso che se ne fa. in fondo se pensiamo che tutta la tecnologia che abbiamo noi oggi a disposizione ha trovato prima una applicazione militare che civile, più che degli esperiementi scientifici dovremmo avere paura di noi stessi. Oltre che di Trenitalia. Penso che la razza umana sia la più fessa mai esistita sulla faccia della terra, forse peggio ancora del panda; esempio: mi spiegate che hanno costruito a fare le migliaia di bombe nucleari durante la guerra fredda i russi e gli americani!? Che idee avevano? dichiarare guerra alle galassie più vicine?

11. ipernova - 10 maggio, 2008

@Dottordivago: Sto ancora ridendo 😀

@Riz: Hai ragione, ma spero vivamente che la tecnologia sviluppata al CERN sia pacifica. L’Europa ha conosciuta da vicino la guerra, credo sia abbastanza matura da ripudiarla.
A dire il vero, nel momento stesso in cui scrivevo la frase mi sono venute in mente un sacco di cose che contraddicono quanto ho detto. Quindi lasciamo stare…

Paz

12. Gianluca - 25 maggio, 2008

Nel mio piccolo ritengo la cosa impossibile. Un buco nero non è infatti generato da una enorme massa, tale da chiudersi in se stessa a causa della fortissima gravità?
Se così fosse non può esistere un mini buco nero, non avrebbe sufficente massa e gravità, e poi al Cern si lavorerà con fasci di protoni dalla massa infinitesimale: come potrebbero generare un buco nero?
E anche se fosse potrebbe questo buco nero inglobare il pianeta? Sarebbe un buco nero di dimensioni incredibilmnte piccole e con forza di gravità talmente bassa (parilamo di esperimenti con particelle poche, non a chili!!) che non avrebbe la possibilità di attrarre a se altra massa. Attraverserebbe la terra come se nulla fosse non siorando neanche gli enormissimi (in confronto) atomi che la compongono.
Al massimo genereranno questo micro oggeto che avrà vita infinitesimale proprio perché privo di massa sufficente si disgregherebbe per le foze di repulsione tra le particelle i carica unguale che lo compongono.

In breve… è una cazz..a

13. Giocondio - 11 giugno, 2008

Molto semplicemente si potrebbe formare un buco nero dalla collisione di questi pacchetti di protoni che verranno accellarati ad una velocità pari a u punto milionesimo percentuale in meno rispetto a quella della luce.
La materia potrebbe in una di queste collisioni addensarsi a tal punto da formare un mini-buco nero che sarebbe in grado di risucchiare probabilmente qualche quark alla volta…
Inoltre, a meno che la meccanica quantistica non sia completamente errata, il buco nero evaporerà in qualche nano-secondo per la radiazion di Hawking.
Quindi la probabilità che si verifichino tutte queste cose è circa di 1 su 10^22.
A mio parere ne vale la pena rischiare, visto che questo esperimento forse aprirà una strada per la gravitazione quantistica o comunque per una teoria che riesca ad inglobare le 4/5 forze fondamentali che sembrano regolare questo universo.

14. wolly92 - 15 giugno, 2008

bhe le preoccupazioni di questo esperimento sono fondate , non e fisicamente impossiblile da verificarsi un buco nero che possa risucchiare la terra! ma se anche fosse in teoria la terra potrebbe essere catapultata in un’alta dimensione e chissa con un po si fortuna ci sposteremo solo!! ma è fisicamente improbabile che si verifichi un buco nero che risucchi la terra anche se fosse sarebbe troppo piccolo ma chissa!io approvo l’esperimento anche se i risultati non so se a noi comuni mortali le diranno se succede qualcosa i militari o roba del genere copriranno le prove per tenere tutto segreto e a noi diranno che non è successo niente!!

vabbhe queste sono le parole di una ragazzo di 16 anni in cerca di conoscenza e amici che mi aiutano ad espandere la mia passione x la scienza quindi ……quello che ho scritto non so se si può prendere in considerazione!!

15. cinzia - 6 settembre, 2008

Davanti alle manovre di menti superiori che anni di studio le hanno portate a considerarsi, padrone delle masse umane. Queste masse, povere di tanto sapere ma preoccupate di vivere le piccole miserie della vita (la malattia di un familiare, la ricerca di un lavoro, l’educazione di un figlio ecc.ecc.ecc.ecc.!!!!!). Mi chiedo non sono forse questi i dittatori più subdoli e famigerati che in nome della scienza sono pronti a rischiare la vita non di città, non di nazioni, non di continenti ma dell’intero pianeta. Basta, basta , basta, basta, basta,basta………….

16. Viktor - 10 settembre, 2008

Oggi, alle 9.30, testano l’acceleratore di particelle!!!
potrebbe essere l’ultimo commento di questo blog…

17. Viktor - 10 settembre, 2008

Come non detto…non è successo nulla!

18. Jack - 10 settembre, 2008

come non è successo nulla? E io che mi sono disintegrato e ricomposto in un triglionesimo di secondo???? A voi non è successo?

19. pippo - 10 settembre, 2008

non è successo nulla perchè hanno sparato solo i fasci senza farli scontrare, staremo a vedere in seguito.

20. ipernova - 10 settembre, 2008

@cinzia:
Sei stata troppo poetica. Non ho capito se sei a favore o contro 😀
Comunque siamo nelle mani della scienza, in tutto e per tutto. Se guardiamo verso il passato e vediamo i momenti in cui la scienza è stata frenata, ci viene da ridere per la stupidità dei motivi:

@Viktor:
Paura, eh?!

@Jack:
Cacchio, anche a te è successo? Io poi ho cambiato dimensione, ma è uguale a quella precedente!

@pippo:
Hai ragione, ci vorranno mesi perché vada a regime.

Paz

21. zardo - 16 settembre, 2008

Cos’è, stanno facendo il rodaggio come agli scooter?


Sorry comments are closed for this entry

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: